Daido Moriyama per Y-3: Lo Straordinario fascino dell’Ordinario.
Facebook
Twitter
LinkedIn

Date

A colpo d’occhio, i principi estetici di Yamamoto e Moriyama sembrano lavorare in opposizione: da un lato, le linee pulite e ridotte del designer di Y-3, dall’altra, il disordine e la densità degli scatti dello Street Photographer. Riduzione verso Amplificazione.

Attraverso la Campagna Y-3 scattata nelle strade di Tokyo, esploriamo lo stile di uno dei più importanti esponenti della fotografia di strada giapponese.

Misteriosa, Opaca, Seducente.

La Street Photography di Daido Moriyama è un groviglio denso di informazioni visive, sensazioni profonde e paesaggi onirici che la mente difficilmente riesce a decodificare e sciogliere a prima vista.

I suoi scatti seguono diverse ore della giornata, ma Moriyama predilige la notte. Le sue scene sembrano muoversi in un universo parallelo, dominata dalle luci notturne, dentro il quale si muovono creature seducenti ed enigmatiche.

Nel corso degli anni, la visione di Daido Moriyama è diventata una sovrapposizione della città stessa: immagini con soggetti in movimento, quasi evanescenti, come il movimento perpetuo di persone e azioni che quotidianamente e freneticamente si muovono nello spazio urbano, spesso rappresentato nelle strade di Shinjuku, il suo quartiere preferito.

Paesaggi infestati e strade affollate, dalle quali emergono figure, luci e insegne al neon, sempre pulsanti di energie, destinate a essere ricordate e a testimoniare il loro status di evoluzione nel tempo.

L’espressione più alta di Moriyama, però, si manifesta perfettamente nell’uso dell’ombra e della distorsione, soprattutto quando sono concentrati sui soggetti. In queste figure, in movimento o stabili, la sfocatura e la granulosità dell’immagine sembrano trasmettere una tensione psicologica, di instabilità emotiva e fisica.

La Campagna SS23 Y-3 scattata da Daido Moriyama.

Dagli anni ’70, il Design di Yohji Yamamoto è stato sempre incentrato sullo studio del corpo e sulla sua capacità di movimento: una filosofia che si basa sul modo in cui vestiamo gli abiti, alterando i parametri dell’identità e dell’essere, il modo in cui vengono eseguiti.

A colpo d’occhio, i principi estetici di Yamamoto e Moriyama sembrano lavorare in opposizione: da un lato, le linee pulite e ridotte del designer di Y-3, dall’altra, il disordine e la densità degli scatti dello Street Photographer. Riduzione verso Amplificazione.

Entrambi creano opere peculiari, immediatamente riconoscibili, che nel caso della Campagna SS23 Y-3 appaiono complementari, uguali a se stesse, ma anche delicatamente evocative: molti dei movimenti visivi di Moriyama, vengono armonizzati e sospesi dalle geometrie solide dei vestiti di Yamamoto.

Le tre strisce adidas bianche degli abiti, vuoti e incontaminati, conferiscono alle fotografie un’atmosfera simile a dei collage: una sorta di giustapposizione. Spazi geometrici riorganizzati completamente intono alle immagini: un punto di incontro che congiunge i due artisti in un unico spazio.

L’aspetto più straordinario della fotografia di Moriyama è la diffusione del movimento nell’immagine: spesso si manifesta nei soggetti stessi, ma anche nell’allineamento e nell’inclinazione dell’inquadratura.

L’oscillazione si fa sentire in modo sottile, attraverso una prospettiva che si snoda per le strade, si insinua negli interni pubblici e privati, giocando con la luce e l’ombra. Le fotografie trasmettono l’inquietudine di questo perpetuo flusso, che è proprio del fotografo.

Il moto è così intensamente rappresentato che in certi punti la figura si dissolve in una macchia. Il dinamismo supera l’abbigliamento, mentre quest’ultimo sembra abbracciare il movimento. Le figure emergono come ballerini, o forse come personaggi teatrali. In questo contesto, sono nuovamente riconducibili alle creature del mondo di Moriyama, dove la strada e i corridoi diventano un palcoscenico, uno spazio per la performance.

Nella Campagna Y-3 di Daido Moriyama, i modelli spesso indossano abiti che potrebbero sembrare costumi di natura sociale o tradizionale. In questo contesto, il design di Yamamoto acquisisce un significato più profondo, caratterizzato dalla sua attenzione ai codici socio-economici, in cui ogni dettaglio racchiude informazioni su classe, storia e cultura. Dai personaggi e dall’ambientazione emergono narrazioni dense di possibilità.

La seconda e l’ultima immagine operano in opposizione. Inizialmente, la donna è in piedi all’aperto, avvolta nel suo abito intatto. Successivamente, si accovaccia a terra in una tromba delle scale interne, con ogni piega del tessuto chiaramente visibile, un’esplosione di texture.

Ancora una volta emergono le deliziose sincronicità della composizione:

Le ombre accentuate, la tripla linea dell’abito trova eco nelle triple scanalature delle scale.

La moda è, in fondo, una reazione al momento in cui viviamo. Politicamente, culturalmente, economicamente, ma anche una reazione a ciò che è venuto prima, alla storia, alla storia della moda e, a volte, alla storia del lavoro di uno stilista e di un fotografo. La Campagna Y-3 scattata da Daido Moriyama racchiude decenni di ricerca del design essenziale e geometrico, della forma, della luce e dell’ombra.

Esplora la nostra Selezione Y-3 su blackboxstore.com e in Store.

More
articles

Join
Pluriverse

Subscribe to our newsletter

© Pluriverse 2024
Registered office: Via Romaniello 21/B, Napoli (NA), Italy | N. REA: NA 823189
Privacy