,

Banksy Colpisce Ancora.
Facebook
Twitter
LinkedIn

Date

Attraverso la sua guerrilla art, Bansky ha colpito ancora una volta nel segno, gettando nuovamente i riflettori sulla questione ucraina che, purtroppo, ha perso quel clamore misto ad indignazione da parte dell'opinione pubblica nel corso del tempo.

Lo Street Artist confermato le 7 opere a lui attribuite in Ucraina.

Venerdì, 11 Novembre 2022, a circa 35 miglia a Nord-Ovest da Kiev è apparso uno stencyl con una bambina ginnsta in equilibrio tra le macerie di un palazzo a Borodyanka, una delle zone più colpite dalle bombe russe.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Banksy (@banksy)

L’opera è stata immediatamente attribuita all’anonimo streetartist di Bristol, anche se le voci si sono rincorse fino alla sua conferma, arrivata qualche giorno dopo alla testa The Art Newspaper, non appena altri lavori sono apparsi nella capitale e in altre città della regione. Sette in tutto.

Banksy, la ginnasta di Borodianka. La città è stata particolarmente colpita dagli attacchi aerei russi nelle prime settimane del conflitto. Credits: Getty Images.

Un’altra opera è apparsa a Kiev, raffigurante un bambino che indossa un’uniforme da arti marziali con cintura bianca che mette al tappeto un uomo adulto, in cintura nera. In molti hanno collegato l’uomo alla figura del presidente russo Vladimir Putin, la cui cintura nera gli è stata revocata all’inizio dell’anno dalla lega World Taekwondo, significato omesso dallo stesso Banksy che però non è sfuggito agli Ucraini.

Un murale mostra un uomo che viene messo al tappeto da un bambino. Credits: Getty Images

Un altro murale mostra due bambini che giocano con una trappola di metallo usandola come altalena, una donna con i bigodini e maschera antigas che regge un estintore.

Perché Banksy abbia scelto proprio Borodianka e non Kiev per realizzare il primo murale, risiede nel fatto che la città è stata presa di mira della armate aeree Russe, che l’hanno bombardata ininterrottamente radendola quasi al suolo.

Credits: Ed Ram/Getty Images

Prima della guerra, la città a nord ovest di Kiev ospitava 13.000 persone: gli sfollati al loro ritorno, hanno trovato un posto spettrale con case e negozi saccheggiati e macerie ovunque.

Da quel momento, Borodianka è stata al centro degli sforzi di tutti per la ricostruzione, anche se di lavoro ce n’è ancora tanto da fare.

La ginnasta ritmica sul muro di un edificio residenziale a Irpin, in Ucraina, indossa un collare. Credits: Getty Images.

Dopo la conferma da parte di Banksy, molti ucraini e sostenitori del Paese hanno ringraziato l’artista con commenti e post sui social:

Questo è un momento storico per l’Ucraina: persone come Banksy e altre figure famose vengono qui e mostrano al mondo cosa ci ha fatto la Russia”

Ha commentato un residente di Kiev ad Al Jazeera English in un video postato su Twitter domenica.

Credits: Getty Images

Attraverso la sua guerrilla art, Bansky ha colpito ancora una volta nel segno, gettando nuovamente i riflettori sulla questione ucraina che, purtroppo, ha perso quel clamore misto ad indignazione da parte dell’opinione pubblica nel corso del tempo.

Credit: Getty Images

More
articles

Join
Pluriverse

Subscribe to our newsletter

© Pluriverse 2022
Registered office: Via Romaniello 21/B, Napoli (NA), Italy | N. REA: NA 823189
Privacy